DICEMBRE ALL’OPEN ART

Beat, pop, rock, jazz, reggae e uno spettacolare coro gospel

LE SERATE SPETTACOLO

SABATO 1 DICEMBRE ore 21:30

FRANGETTAS – Passione Beat

I Frangettas sono cinque musicanti fermamente decisi a riportare in auge il mai dimenticato e sempreverde Beat, che tanto appassiona giovani e non più giovani, figli e genitori, nonni e nipoti, signorine e signorini, schiodandoli tutti dalle sedie e costringendoli a ballare senza sosta. Il loro stile prediletto è quello italiano che va da Caterina Caselli all’Equipe 84, passando per i Corvi, Nada e Patty Pravo ed è accompagnato da un look inequivocabile.

Walter De Villa (chitarra e voce), Luciano Comelli (tastiere e voce), Andrea Fiorito (basso), Davide Francescato (batteria), Alessia Orlandi (voce).

 

VENERDÍ 7 DICEMBRE ore 21:30

RINO GERARD BAND – Rino Gaetano Tribute

La Rino Gerard Band è nata dall’amore e l’interesse per la figura complessa e popolare di Rino Gaetano e, dopo dieci anni di gavetta e un’intensa attività live, è diventata una delle più interessanti realtà musicali del sud pontino che si distingue per la fedeltà agli arrangiamenti originali e per la somiglianza timbrica del cantante con il cantautore calabro-romano. Con loro sul palco, ogni concerto è un’occasione di festa e divertimento: Gerardo Mastrobattista (voce), Riccardo Rizzi (sax), Leandro Sinapi (basso elettrico), Luca Cardesio (batteria), Luigi La Serra (tastiere), Fabio Di Alessandri (chitarre).

 

SABATO 8 DICEMBRE ore 21:30

MONKEY ON MY BACK e CESARE SALVATORI – Pop & rock

La band MOMB nasce dalla fusione di esperienze d’alta formazione e suggestione, come XFactor e Parco della Musica, per creare un sound pop/rock avvolgente, che rivisita i brani dei più grandi artisti. Con Pierluca Salvatore (voce), Manuel Attardo (chitarra), Fabio Frieri (basso) e Jacopo Pieretti (batteria) c’è materiale di qualità per gli ascoltatori.

Cesare Syd Salvatori è un cantante e musicista indipendente terracinese d’adozione romana: si esibirà con alcuni brani da lui prodotti, accompagnato da Alessandro Molinaro, chitarrista romano dalle sonorità blues/rock, presentando anche alcune rivisitazioni in chiave acustica.

 

GIOVEDÍ 13 DICEMBRE ore 21:30

STAZIONE MUSICA – Speciale sala prove

Stazione Musica è scuola, sale prova e studio di registrazione. Nata nel 2012, è presto divenuta il punto di riferimento nel territorio per tutti coloro che, per diletto o per professione, fanno della musica la propria passione. In questa serata speciale insegnanti, allievi e band della scuderia si riuniranno tutti insieme intorno al palco dell’Open Art Cafè per divertirsi e divertire, un po’ come fosse una sala prove aperta. Una serata in cui la musica unisce, senza competizioni e gare, e ognuno può fieramente mettere in mostra la propria unicità!

 

SABATO 15 DICEMBRE ore 21:30

MANUAL FOR ERRORS– Errori perfetti

Sbagliando s’impara o s’impara a sbagliare? Non sempre l’uso corretto delle cose è l’unico che ne possiamo fare: questa è la linea estetica sulla quale si basa la musica del “Manual for errors”, un ensamble di musicisti che ruota attorno al chitarrista Manlio Maresca, con Ivan Liuzzo alla batteria e Eddy Cicchetti al contrabbasso. Il gruppo suona composizioni originali del chitarrista, trame sonore che considerano l’inesattezza musicale fonte di imprevedibili cambi di scena, mai trascurando le tradizioni del jazz, manipolate fino a raggiungere il margine d’errore che consente ai musicisti di trovarsi a proprio agio in una realtà completamente sbagliata.

 

GIOVEDÍ 20 DICEMBRE ore 21:30

MUIRAVALE FREETOWN – Reggae, amore e libertà

Il 24 agosto 1992 Alfredo Fiorini, medico missionario terracinese, viene ucciso da una raffica di mitra a Muiravale, in Mozambico. Nel 2009, per onorare la sua memoria e diffondere il suo messaggio di altruismo, tolleranza e fraternità, nascono i Muiravale Freetown. Sin da subito la band ha la possibilità di esprimersi dal vivo al fianco di grandi artisti come Bunny Wailer, Africa Unite, Mellow Mood, 24 Grana, Giardini di Mirò, Meg, 99 Posse, BR Stylers, Radici Nel Cemento, Tre Allegri Ragazzi Morti, Giorgio Canali & Rossofuoco e molti altri.  Il 2018 li ha visti nella produzione di quello che sarà il loro prossimo disco in uscita nel 2019 dal titolo The Mission, prodotto e missato tra Londra – Caserta e Terracina.

Silvino “likkle fiyah” D’amico (tastiere, dubmaster, producer), Emanuele “shakmanaly” Mattei (voce), Andrea “thinker” Cardone (chitarra), Franco “sekkle” Notarberardino (basso), Marco “buttons” Bottoni (chitarre, tastiere), Mauro “Mr.Fox”  Mastracci (batteria).

 

SABATO 22 DICEMBRE

PHOENIX GOSPEL CHOIR – Più di 20 voci e un pianoforte

Phoenix Gospel Choir, diretto dal Maestro Sergio Mangolini, è un ensemble vocale e strumentale di persone accomunate dalla passione per il canto corale gospel come unione di voci, anime e spiriti. Nato nel 2016, il coro vuole creare uno “stile libero” con varie contaminazioni musicali (gospel tradizionale e contemporaneo, soul, funky e R&B) e si avvale di componenti diplomati al conservatorio che, oltre ad avere un’esperienza decennale nel settore musicale, continuano a studiare frequentando workshop e seminari di calibro internazionale per arricchire e arrangiare il repertorio con brani standard jazz e cover di famosi brani pop.

 

LE DOMENICHE LETTERARIE

DOMENICA 2 DICEMBRE ore 18:00

“Quande ancora pazziàsseme” – Teresa Palmacci

Il libro è un viaggio indietro nel tempo nella tradizione terracinese, per recuperare dal profondo della memoria collettiva e mettere nero su bianco quei momenti che nell’era della velocità e di Internet rischiano di perdersi. Un ritorno alle vite semplici e spensierate dei nostri nonni fatte di giochi e filastrocche, scherzi e marachelle che regalano sempre un melanconico sorriso.

Teresa Palmacci è autrice e regista di commedie teatrali in dialetto terracinese; con lei ci saranno il giornalista Angelo Marzullo e Fabio Arduni, che ha curato la pubblicazione del libro ed è docente di lettere, scrittore e autore di saggi storici.

 

DOMENICA 16 DICEMBRE ore 18:00

LE RADICI DI TERRACINA – Massimo Lerose

Un’iniziativa culturale, sociale e benefica: “Le radici di Terracina” è il titolo di un libro che Innundo Editore pubblicherà raccogliendo i racconti, le poesie, i pensieri, le emozioni di tutti quelli che, cittadini e amici di fuori, hanno scritto o vogliono scrivere su quello che è accaduto il 29 ottobre.

Un modo per accogliere l’urgenza di molti di raccontare, che è sempre una catarsi, una purificazione. E per dare un aiuto concreto ai concittadini che hanno subìto dei danni, devolvendo il ricavato delle vendite. In questo pomeriggio letterario, targato Terracina Book Festival, Massimo Lerose leggerà alcuni scritti che faranno parte del libro.

 

IN MOSTRA ALL’OPEN

Esposizione per MAD Museo d’Arte Diffusa

“Sketches e fumetti di Fabrizio Gargano”

a cura di Fabio D’Achille www.madarte.it

Lascia una risposta

OPEN

  • Relax
  • Wi-fi area
  • Book crossing

ART

  • Spettacoli
  • Mostre
  • Eventi

CAFÉ

  • Caffetteria
  • Ristorazione
  • Wine Bar

SEGUICI

Log in